Produzione e materie prime

Le nostre specialità vengono prodotte utilizzando il 100% di materie prime naturali. La qualità è per noi la massima priorità. I nostri elevati standard qualitativi tengono inoltre conto delle condizioni ecologiche e sociali nelle zone di coltivazione.

Materie prime

Il Cacao

Da molti anni acquistiamo gran parte del nostro cacao in Ghana, mentre una piccola parte proviene dal Perù. Entrambi i paesi sono dotati di infrastrutture stabili e di valori democratici intatti.

 

bloc-cacao_img_0823

Enregistrer

Enregistrer

Enregistrer

Enregistrer

Dal 2011 abbiamo rafforzato il nostro impegno in Ghana e collaboriamo con l’organizzazione no-profit Source Trust, la quale fornisce assistenza ai coltivatori di cacao sul posto, incentivando una coltivazione sostenibile, ecologica e socialmente compatibile. Grazie a un premio applicato sul prezzo delle materie prime promuoviamo progetti concreti. Curiamo inoltre il contatto diretto con i responsabili nella zona di coltivazione e visitiamo personalmente le piantagioni. Il nostro cacao proviene dalla regione di Kumasi ed è tracciabile fino alla zona di coltivazione.

Tracciabilità

Il Cacao

Ogni anno si svolgono due raccolte di cacao. La principale ha luogo da ottobre a gennaio.

I frutti maturi vengono raccolti dagli alberi con l’ausilio di bastoni.

L’apertura dei baccelli è un lavoro di squadra.

La polpa del frutto con le fave di cacao viene stesa per 7-10 giorni affinché fermenti e coperta con foglie di banano.

Le fave di cacao fermentate vengono stese per ca. una settimana affinché secchino e regolarmente girate.

Prima di essere trasportato al porto, ogni sacco di iuta viene contrassegnato con un codice a barre.

Il codice viene acquisito elettronicamente; da Courtelary le fave di cacao possono quindi essere tracciate fino alla zona di coltivazione.

Corso sulla sicurezza sul lavoro all’ombra degli alberi di cacao.

I coltivatori di cacao ascoltano interessati e fanno molte domande.

René Meier, responsabile degli acquisti strategici, e Regula Gerber, responsabile della comunicazione aziendale, durante una visita nel 2013.

Daniel Bloch, CEO, in occasione dell’inaugurazione del Village Ressource Center 2012.

Festosa accoglienza di Daniel Bloch da parte dei capi villaggio.

All’interno del VRC vi sono postazioni di lavoro dotate di computer.

Gli studenti e i contadini del villaggio beneficiano dell’offerta di corsi.

Materie prime

Le nocciole

Ogni anno Chocolats Camille Bloch utilizza quasi tante nocciole quante fave di cacao. Ragusa, ad esempio, è composta per un terzo di nocciole. Non c’è quindi da stupirsi che la qualità della materia prima abbia per noi un’elevata priorità.

Acquistiamo la maggior parte delle nostre nocciole in Turchia. Questo paese produce oltre il 70% del consumo mondiale.

Le nocciole vengono calibrate meccanicamente.

La raccolta viene effettuata principalmente a mano. Talvolta vengono impiegate macchine raccoglitrici.

La qualità delle nocciole riveste un ruolo importante per i nostri prodotti.

Daniel Bloch, CEO, a colloquio con coltivatori di nocciole, 2013.

Il responsabile acquisti René Meier visita regolarmente le zone di coltivazione.

A perdita d’occhio: le nocciole vengono stese per l’essiccazione.

Le nocciole vengono sgusciate manualmente e i corpi estranei vengono eliminati.

Chocolats Camille Bloch impiega ogni anno circa 600 tonnellate di nocciole.

Altre materie prime

Grassi vegetali: per ottenere la tipica consistenza fondente dei ripieni, per le nostre specialità Ragusa e Torino utilizziamo una miscela di grasso di cocco e di burro di cacao. Lavoriamo esclusivamente grassi non idrogenati, rinunciando ai cosiddetti grassi trans. Acquistiamo il latte in polvere e lo zucchero, quando possibile, in Svizzera. Impieghiamo estratto naturale di vaniglia del Madagascar. Per le nostre specialità al liquore utilizziamo prodotti di prima qualità provenienti dalla Svizzera e dall’Europa.

Video

Dalla fava di cacao
al cioccolato

Un viaggio nella regione del Ghana da dove proviene il cacao per le nostre specialità. Seguiamo il percorso delle fave di cacao fino alla nostra fabbrica di Courtelary. Il film è stato girato tra il 2013 e il 2014.